Manuale B-BOX

Probabilmente ti starai domandando: ora che ho acquistato B-BOX, da dove iniziare?

Non preoccuparti, qui puoi trovare tutte le informazioni di cui hai bisogno per sfruttare al meglio la nostra arnia urbana! Sentiti libero di mandarci un'e-mail a [email protected] se avessi qualsiasi dubbio oppure richiesta, saremo ben felici di risponderti e guidarti verso la giusta direzione!

Buona avventura!

CONOSCERE LE API

Prima di iniziare, ti consigliamo di partecipare ad un corso, di leggere sull’apicoltura o di iscriverti ad una associazione di apicoltura locale per ulteriori informazioni. Questo è molto importante per conoscere le api e avere un’idea di cosa significhi prendersi cura di loro. La nostra B-BOX semplifica un po’ il processo, ma dovresti comunque conoscere le basi! Ci sono molti corsi che puoi scegliere, sia online che nella tua città. Chiedi alla tua associazione di apicoltura locale dove puoi iscriverti, dovrebbe essere abbastanza facile da trovare!

Vai qui per trovare alcuni corsi di apicoltura:
Udemy

Un canale YouTube che ci piace molto per scoprire di più su questo magico mondo floreale:
youtube.com

CONTROLLO DELLE NORME LOCALI

Ogni comune ha le proprie leggi e normative sull’apicoltura. Normalmente, tenere le api in un giardino di una casa privata è permesso a chi non ha vicini. Tuttavia, se avessi intenzione di tenere le api nel tuo condominio, sul balcone o su un tetto, dovresti sicuramente controllare le leggi locali.

COSTRUIRE L’ALVEARE E VERNICIARE

Prima di montare l’alveare, ti suggeriamo di dare uno strato di vernice/impregnante NON TOSSICO per tutti i componenti dell'alveare. Lascia asciugare i pezzi al sole per un giorno o due. La vernice a base d’acqua normalmente ha il minor numero di tossine.

VERNICE E POSIZIONAMENTO

Installa l’alveare. Qui puoi trovare le istruzioni di montaggio: https://youtu.be/I638FTNdbZs

Una volta che hai costruito l’alveare, dagli un paio di strati di vernice/impregnante non tossico o con bassi livelli di COV per proteggerlo dalle intemperie. Non importa quale tipo di vernice usi per la tua B-BOX, usa qualsiasi tipo che utilizzeresti per un normale alveare. Può essere a base d’acqua, a base di olio, ecc. La cosa più importante è che abbia bassi livelli di COV o che non sia tossico per non danneggiare le api.

POSIZIONAMENTO DELL’ALVEARE

Puoi posizionare il tuo alveare come preferisci. Consigliamo il “camino” per l’esposizione al sole, ma è meglio posizionare la B-BOX in una zona semi-ombreggiata in modo che non faccia troppo caldo. Inoltre, posizionarlo sotto un tetto, lo proteggerà da pioggia e neve. Poiché i materiali sono realizzati in legno, è sempre meglio proteggerlo dalle intemperie.

Nelle aree con forti venti prevalenti, è anche possibile fissare la parte superiore del “camino” alla parte inferiore per stabilizzarlo di più e applicare un peso sul fondo dell’alveare per una protezione ancora maggiore.

Se il tuo obiettivo è produrre miele, puoi togliere il camino e rendere facile la produzione per le api. Puoi ancora avvicinarti ad esso per osservare le api, assicurati solo di non agitarle. Ricorda di prestare attenzione nella fase di osservazione.

Dopo aver introdotto le api, non dovresti spostare il tuo alveare. Se vuoi cambiare la direzione del “camino”, effettua questo procedimento con molta cautela in modo che le api possano capire dove si trovi il nuovo ingresso. Il motivo è perché le api sono molto sensibili quando si tratta della loro posizione. Il loro GPS interno è molto preciso, quindi un leggero movimento dell’alveare li influenzerà.

INTRODUZIONE E ALIMENTAZIONE DELLE API

1 - Il momento migliore per inserire le api nell’alveare è quando fa caldo, ma le api possono essere disponibili per l’acquisto fino a metà estate. Dipende da dove vivi. Quando prendi le tue api, devono cercare cibo a sufficienza e crescere per sopravvivere durante l’inverno, quindi di solito all’inizio della primavera o quando fa caldo e i fiori sbocciano, puoi ottenere un piccolo sciame. Se vivi in un clima con quattro stagioni e decidi di iniziare l’alveare nel mezzo della stagione delle api, è meglio ottenere uno sciame più grande per dare loro un vantaggio. Se ottieni le api durante i mesi freddi, il clima le stresserà. Non usciranno per trovare polline, nettare e altre eventuali necessità. Quindi devi spostarle quando è la “stagione delle api” nella tua zona.

2 - Quando si introducono le api, è meglio mettere la loro “vecchia casa” sopra la B-BOX per tre o quattro giorni. Questo perché le api hanno un senso dell’orientamento molto sensibile e in questo modo i livelli di ingresso saranno più o meno simili. Muoversi per loro significa che debbano adattarsi alla loro nuova posizione, nuovi fiori, nuova casa. Lasciarle in una nuova posizione nella loro vecchia casa le rende meno difficile il lavoro, quindi quando posizioniamo la B-BOX al posto del loro vecchio alveare, penseranno che quella è la loro casa. L’apicoltore di solito porta api su 4/5 telai già popolati. L’alveare può contenere fino a 10 telai, sia Dadant che Langstroth, in modo da poter ottenere quello che preferisci o quello che è disponibile nella tua regione. Suggeriamo di mettere cornici con una base di cera; in questo modo le api avranno un vantaggio e potranno produrre miele e crescere più velocemente. La barra superiore del telaio può avere un massimo di 48,5 cm e un minimo di 45,5 cm.

3 - Quando introduci per la prima volta le api nell’alveare, puoi mettere un nutrimento sopra la rete metallica nella parte superiore invece dei favi bianchi. Altrimenti puoi mettere il nutrimento sopra i piccoli fori di fuga delle api. Ti consigliamo di rimuovere i telai a nido d’ape bianchi all’inizio perché le api non si accumuleranno se non hanno finito di costruire il loro nido. È proprio come in un normale alveare, le api finiranno prima di costruire il nido per poi passare al melario. Il nutrimento può essere sia acqua zuccherata che zuccheri, quello che preferisci. Se al momento non ci sono fiori in giro, o piove consecutivamente per una settimana, il nutrimento sarà davvero utile. Quando vedi che lo sciame sta crescendo e le api stanno raccogliendo molto miele, puoi rimuovere il nutrimento. A volte non è necessario mettere la scorta di cibo, dipende da quanto miele hanno e dalla disponibilità di fiori e polline.

4 - Una volta che lo sciame cresce e le api finiscono di costruire il loro nido, puoi aprire la parte superiore dell’alveare e installare i favi bianchi in modo che possano iniziare a costruire. Sarai in grado di constatare quando lo sciame cresce aprendo l’alveare e vedendo se quasi tutti i fotogrammi sono occupati. Altrimenti puoi osservare attraverso le coperture in plexiglass per vedere se si sono espanse fino all’altra parte. Dovrebbe essere un buon indicatore per constatare che siano pronte per più spazio. Il motivo per cui ti suggeriamo di rimuovere questi pettini di miele bianco è che così puoi evitare la condensa ed è più facile eseguire le ispezioni dell’alveare. Ricorda di tenere il coperchio di legno superiore per proteggere le api da sole, pioggia e vento. Altrimenti inizieranno a chiudere lo schermo di metallo sulla parte superiore con le loro celle di cera. Prima di posizionare le cornici bianche a nido d’ape, consigliamo di posizionare le basi di cera tra le cornici. In questo modo, avranno vita facile nel costruire i loro favi. Le api richiedono molte risorse per costruire la cera, più di quanto ne hanno bisogno per produrre miele, quindi tienilo a mente!

È possibile inserire le basi di cera in questo modo:

CONTROLLARE LA SALUTE DELLE VOSTRE API

1 - Un modo per verificare la salute delle tue api è guardare attraverso le coperture in plexiglass. Da qui puoi capire cose semplici come verificare se le api si stanno espandendo, indipendentemente dal fatto che stiano producendo miele o che stiano costruendo nuove nidiate. Sarai in grado di vedere solo i telai dai lati e potrai vedere il primo e l’ultimo telaio per capire quanto le api si sono espanse. Puoi anche controllare la rete per trovare le api morte. Intorno ad una ventina di unità nulla di preoccupante, ma se aumentano ed arrivano intorno al centinaio, potrebbe esserci un problema. Puoi anche controllare la tavola di legno sul fondo per trovare varroa, polline, ecc. Per avere maggiore sicurezza è possibile attaccare una tavola sul fondo (vedi immagine sotto).

2 - Il modo migliore per dare alle tue api un controllo approfondito è quello di aprire l’alveare, estrarre le cornici e attraversarle una ad una. Dovresti controllare diverse cose, tra cui osservare se la regina deponga abbastanza uova, segni di parassiti e la produzione di miele. Ricordati di usare indumenti protettivi in questo passaggio.

RACCOGLIERE MIELE E INSERIRE FONDAMENTI IN CERA

1 - Suggeriamo di inserire fogli cerei nelle cornici bianche di plastica per agevolare la costruzione del favo. Per darti un’idea di quanto lavoro richiede alle api: per produrre un kg di cera le api usano la stessa quantità di materiale di cui hanno bisogno per produrre 10 kg di miele. Ti consigliamo di utilizzare la vera cera invece della plastica per uso alimentare, perché potrebbero mangiarla. Dovresti prendere alcuni fogli a base di cera e metterli nei tuoi favi di miele bianco come questo mostrato sopra. Se le celle sono completamente chiuse e sei sicuro che ci sia poca umidità, si potrà conservare a lungo, anche fino a 3 anni!

2 - Nel caso non siano completamente sigillate è necessario ridurre l’umidità con metodi appropriati (dipende dalla conservazione), tagliare un pezzo dal miele fresco, distruggere le celle e lasciarlo scorrere.

3 - Una volta che le api hanno finito di costruire il loro nido, dovresti riaprire l’area superiore e inserire i favi bianchi. Dopo un po‘ i favi dovrebbero essere pieni e sarai in grado di raccogliere il miele premendo la leva, con la fuga di api (vedi le foto qui sottostanti). Il modo per raccoglierlo è ritagliare il favo completamente dalle cornici bianche e spremere il miele con una forchetta. Puoi anche ottenere un estrattore di miele per aiutarti ad estrarlo. Puoi essere creativo con il processo. Anche le celle non tappate con miele sono buone da mangiare, ma hanno un’alta umidità ed è per questo che dovrebbero essere consumate al più presto, altrimenti il miele andrà a male. Quindi in questo caso puoi semplicemente lasciare sgocciolare il nettare. Una volta che l’umidità del miele è inferiore al 16% le api chiuderanno la cella.

Con B-BOX riuscirai a produrre fino a 20-30 kg di miele all'anno!

4 - Dopo aver tolto il miele, dovresti riposizionare i favi bianchi in modo che le api possano costruirli nuovamente. Non buttarli via! Inoltre, se puoi, non gettare le fondamenta: puoi riutilizzarle di nuovo, sarà più facile da costruire per loro.

PREPARARE L’ALVEARE ALL’INVERNO

Questi passaggi sono facoltativi, in realtà dipende da dove vivi e da quanto freddo. Ogni caso è diverso e dovresti consultare i tuoi apicoltori locali o l’organizzazione di apicoltura su come lo fanno e se svernano o meno il loro alveare. Questi sono i nostri suggerimenti, ma puoi essere creativo quando si tratta di apicoltura. Ognuno ha un modo diverso di svernare i propri alveari. Le cose principali da tenere a mente sono l’abbondanza di cibo, un po’ di ventilazione, isolamento e un’uscita.

1. Nutrire le api
La prima cosa che dovresti fare è assicurarti che le api abbiano cibo in abbondanza nel loro nido, siano sane e abbiano una buona dimensione dello sciame. Dovrebbero essere cresciuti durante la primavera e questo sarebbe il fattore determinante per stabilire se le tue api sopravvivranno o meno al freddo inverno.
Passaggio 1

Se il piccolo foro che consente alle api di entrare nella zona superiore dell’alveare è aperto e ci sono api in alto, dovresti consentire loro di uscire da quell’area inserendo la leva con l’apiscampo. Dagli qualche ora per lasciare completamente la parte superiore.
Passaggio 2

Una volta che le api hanno lasciato l’area del favo, è possibile chiudere l’accesso posizionando le leve senza alcuna apertura. In questo modo, le api non hanno accesso all’area del favo. Ricordati di togliere le cornici bianche!
Passaggio 3

Ora che non ci sono api, puoi aprire le coperture e posizionare il mangime a tua scelta nell’area netta. Puoi usare mangime zuccherino, polpette proteiche o qualsiasi altra cosa tu preferisca.
Passaggio 4

Posiziona il mangime solido sopra la rete metallica, le api potranno mangiarci accedendovi attraverso la scatola principale.

(Posizionare il mangime senza l’imballaggio di plastica)
Passaggio 5

Chiudere l’intera area con le coperture in plexiglass. Nella foto si vede che l’ingresso è chiuso interamente con la leva.
Passaggio 6

Un’altra opzione è quella di riaprire l’area a nido d’ape, in modo che possano salire direttamente per avere accesso al mangime. Quindi puoi chiudere l’intera area superiore con la copertura in legno. Questa opzione va bene per un breve periodo di tempo, poiché l’aria calda lascerà la maggior parte dell’alveare nell’area superiore.
2. Chiusura dell'area a nido d'ape

Dovresti farlo per mantenere quanta più aria calda possibile all’interno.
Passaggio 1

Una volta che le api hanno finito la poppata, chiudi la rete con un pezzo di legno o polistirolo. Ciò contribuirà a mantenere l’aria calda all’interno dell’alveare.
Passaggio 2

Fallo per entrambi i lati. Per una protezione extra, aggiungi uno strato di polistirolo sopra. Devi impedire all’aria calda di fuoriuscire dall’alveare.
Passaggio 3

Ora che non ci sono api, puoi aprire le coperture e posizionare il mangime a tua scelta nell’area netta. Puoi usare mangime zuccherino, polpette proteiche o qualsiasi altra cosa tu preferisca.
3. Isolamento dei lati

Quando si tratta di svernare l’alveare, dovresti prendere delle assi di polistirolo e metterle tra le pareti e le coperture dell’alveare. Puoi aiutarli a rimanere in posizione attaccando piccoli fermi sul lato in modo che rimangano tutti insieme.
Passaggio 1

Copri le pareti in plexiglass con un pezzo di polistirolo. Questo aiuterà a isolare le pareti dell’alveare. Fallo per tutti i lati.
Passaggio 2

Quindi prendi le coperture di legno e posizionale sui muri per tenere tutto insieme.
Passaggio 3

Dovrebbe assomigliare a qualcosa di simile. Ripeti questo passaggio per ogni muro.
4. Coprendo il fondo
Passaggio 1

Prendi 4 pezzi di legno e avvitali su ciascuna gamba dell’alveare. Serviranno come supporti per il tabellone inferiore.
Passaggio 2

Metti una tavola di legno abbastanza lunga da coprire il fondo dell’alveare. Ciò manterrà l’aria calda all’interno.
Passaggio 3

Dovrebbe assomigliare a qualcosa di simile. Assicurati di lasciare un piccolo spazio in mezzo per consentire il passaggio di un po' d’aria.
5. Il camino

Per quanto riguarda il camino, puoi toglierlo o lasciarlo, a seconda di cosa preferisci. Le api possono volare su per il “camino” durante l’inverno per fare i loro affari all’aperto, ma possono anche utilizzare l’uscita senza il “camino”.
Passaggio 1

Potresti togliere il camino se vuoi. Se lo fai, puoi vedere che c’è un foro per la ventilazione sulla parte superiore.
Passaggio 2

Assicurati di coprire quel buco, per mantenere l’aria calda all’interno dell’alveare. Puoi persino usare la cera d’api per coprirlo.
Passaggio 3

Se desideri utilizzare il camino durante l’inverno, puoi lasciare l’alveare così com’è.

ALTRI CONSIGLI IMPORTANTI

1 - Controllo dell'umidità
Quando la colonia è molto piccola, l'umidità può prendere il sopravvento sotto forma di condensa e muffa. Questo accade anche negli alveari normali, solo che è più difficile vederlo chiaramente sul legno. Assicurati di proteggere tutti i pezzi di legno con vernice, anche le parti interne, con vernice atossica. Quando la colonia è ancora piccola, non hanno abbastanza api per ventilare adeguatamente l'alveare, ecco perché potrebbe esserci questo problema. Quindi all'inizio è normale. Se vedi che improvvisamente in piena estate il tuo alveare inizia ad avere condensa, questo potrebbe essere un brutto segno che indica il declino della popolazione causato da altri problemi nell'alveare come potenziali acari, formiche, scarafaggi ecc ... È meglio ispezionare l'alveare a fondo per capire la causa sottostante.

2 - Formiche
In alcune zone c'è un'alta probabilità che le formiche raggiungano il tuo alveare e ci sono molti modi per affrontare questi parassiti. Uno dei modi è che puoi mettere la cannella per creare barriere di polvere intorno alle gambe. Trova un link utile in fondo alla pagina.

3 - Escludi regina
Poiché il nido si trova nella zona inferiore, la regina sarebbe lì la maggior parte del tempo. Puoi ottenere un esclude la regina se vuoi, ma poiché le possibilità che la regina salga lì sono così basse, questa parte non è necessaria.

4 - Sciamatura
Puoi aprire l'alveare per controllarlo come faresti in un normale alveare. Una volta che la colonia cresce, potrebbe sciamare perché questo è il loro modo di riprodursi a livello di colonia. Puoi lasciarli sciamare e metà della tua colonia se ne andrà alla ricerca di una nuova casa, il che va bene, oppure puoi impedirlo. Ci sono due modi principali per impedire alle tue api di sciamare. Un metodo consiste nell'aprire la covata, cercare le cellule della regina e toglierle. Ciò impedirà all'alveare di creare un'altra regina con la quale la metà delle api sciamerà. Puoi anche creare più spazio nell'alveare posizionando un super tra il sistema di raccolta del miele e la covata.

5 - Chiusura Fondo
Puoi installare un fondo di chiusura se lo desideri attaccando due barre di legno nella parte inferiore dell'alveare per posizionare una tavola varroa. Sarebbe utile anche in inverno, per coprire lo schermo in basso.
Proteggere dal vento - unendo due parti del "camino" insieme, potrebbe essere utile se vivi in ​​una zona con forti venti. Durante il periodo invernale sarebbe utile posizionare il B-BOX in una zona riparata dal vento.

6 -Varroa
La B-BOX può essere trattato per la varroa come qualsiasi altro alveare. Per i nostri alveari, usiamo strisce di varroa e per noi funziona. Tuttavia, poiché ognuno ha il proprio metodo speciale, sei libero di esplorarli. Durante il trattamento, l'accesso all'alveare potrebbe essere reso equivalente a quello di un normale alveare togliendo il camino e inserendo il trattamento attraverso l'apertura che ora sarebbe visibile.

contattaci
Via Galilei 2 Faenza
0546 042021[email protected]
connettiti con noi


siamo sempre desiderosi di connetterci con coloro che condividono il nostro obiettivo di rendere la sostenibilità una consuetudine!
ACME21 S.R.L. P.IVA 02574730392 FAENZA (RA) GALILEI 2 CAP 48018 – REA: RA – 213977 – CAP SOC. 50.300 INTERAMENTE VERSATO